«Mi pare che noi giudichiamo le cose sempre in base a noi stessi. Non mi sorprende che i neri dipingano il diavolo bianchissimo e i loro dèi neri come il carbone. A pensarci bene, se i triangoli si facessero un dio, gli darebbero tre lati» (Marco Aime, “Una bella differenza”, Einaudi 2009).

1000volti-cover

Diversità. La parola chiave del percorso che è stato proposto a circa 370 studenti tra i 12 e 15 anni delle province di Torino e Cuneo è proprio questa. Essere diversi per età, genere, orientamento sessuale, origine etnica e nazionalità, religione e infine per questioni legate al reddito o ceto sociale. Nessuno si può dire uguale ad un altro e nessuno può affermare di non aver giudicato o esser stato etichettato proprio per una sua particolarità. Eppure spesso si sente dire che la diversità è sinonimo di ricchezza. La penseranno tutti allo stesso modo?

L’obiettivo generale del progetto “I 1000 volti del diritto alla salute” è la promozione della cultura di parità con particolare attenzione a come questa si articola con il tema trasversale della salute. Con il concetto di parità si intende il principio di non discriminazione non soltanto come disparità di trattamento, ma in primo luogo come offesa alla dignità della persona. Il principio di non discriminazione afferisce perciò alla piena affermazione dei diritti fondamentali di tutti gli individui. Affrontare il tema del diritto alla salute per tutti, intesa come “uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non soltanto assenza di malattia e di infermità” (OMS, 1948), rappresenta una via per promuovere la non discriminazione.

Per scoprire nel dettaglio come è stato affrontato il percorso “Salute, cultura e discriminazione”, quali strumenti sono stati adottati e quali risultati si sono riscontrati, consultate le sezioni del nostro sito.

Nella colonna strumenti vicino a ogni descrizione compare una sigla (S0-13) che identifica la presenza di materiale scaricabile. Puoi trovare tutti i materiali scaricabili nella sezione PERCORSO NELLE SCUOLE>DOWNLOAD MATERIALI.

STRUTTURA GENERALE DEL PERCORSO SALUTE, CULTURA E DISCRIMINAZIONE
file di istruzioni (S0)
INCONTRO OBIETTIVO ATTIVITÀ STRUMENTI
PRIMO Creare il quadro di riferimento del progetto: la salute e i suoi determinanti, la salute come diritto e le disuguaglianze nell’accesso. Porre attenzione sul concetto di salute inteso come pensiero olistico di benessere fisico, mentale e sociale.
  • Cosa significa per te “stare bene”?
  • I determinanti di salute: cosa e quali sono?

 

  • Diamo una definizione di “salute”
  • Che cos’è la “discriminazione”? Via al brainstorming
kkkk

  • Poster determinanti vuoto (S1)
  • Poster determinanti completo (S2)
  • Poster definizione Salute (S3)
  • Poster Discriminazione con domande (S4)
  • Poster discriminazione da completare (S5)
SECONDO Comprendere situazioni di vita diverse dalla propria creando empatia verso chi vive la discriminazione e apprendere che quest’ultima preclude l’esercizio e il godimento dei diritti.
  • Tutto chiaro? Un veloce ripasso…
  • Mettiamoci nei panni di …
  • È più comune di quanto si possa credere… Raccontaci un episodio di discriminazione
  • Gioco del Vero/Falso (S6)
  • Gioco Passo Avanti (S7)
  • Carte personaggio (S8)
  • Identikit personaggio (S9)
  • Elenco situazioni (S10)
  • Le categorie di discriminazione (S11)
  • Un episodio di discriminazione (S12)
TERZO Riflettere e comprendere il nostro ruolo in situazioni di discriminazione vissute: nel dettaglio discriminazione assistita, subita o agita. Creare consapevolezza rispetto le modalità con cui si genera la discriminazione e sulle sue inevitabili conseguenze.
  • Riscaldiamoci un po’: attività di ice breaking
  • Raccontami … Episodi di discriminazione agita, subita o assistita
  • Gioco Speed Date (S13)-.————–
  • Un episodio di discriminazione – “Attività ponte” compilata tra il secondo e terzo incontro (S12)
QUARTO Raccogliere opinioni e sentimenti espressi, vissuti sul tema affrontato.
  • Motore, ciak, azione: registrazione delle video-interviste